Aviaria, Moige: “no agli allarmismi”. Attivato un sito informativo

Pregliasco: “Il contagio non è legato al consumo di carni avicole” Greco: “L’Italia dispone di un sistema di controlli rigoroso, non ci sono particolari rischi” Il Moige, in collaborazione con il Ccm – Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie del Ministero della Salute, ha attivato il sito www.prevenzioneinfluenza.it.
“Le numerose notizie che da settembre sono giunte agli italiani in merito al rischio di una pandemia di influenza aviaria hanno probabilmente alimentato timori eccessivi e fobie, come quella per i volatili e la carne di pollo. Senza una corretta e scientifica informazione si rischia però di prendere iniziative sbagliate come ad esempio rinunciare alla carne di pollo senza che ce ne sia alcun reale motivo”. A dirlo è Maria Rita Munizzi, presidente nazionale del Moige – Movimento Italiano Genitori che, in collaborazione con il Ccm-Centro Nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie del Ministero della Salute, guidato dal dottor Donato Greco, e con la consulenza di Fabrizio Pregliasco, ricercatore dell’Istituto di virologia dell’Università di Milano, ha dato in questi giorni il via ad una campagna di informazione nazionale. La campagna prevedere l’attivazione del sito www.prevenzioneinfluenza.it in cui è possibile trovare aggiornamenti continui sull’andamento dell’influenza aviaria e, in un’apposita sezione, anche quello della comune epidemia influenzale che, proprio in questi giorni, ha cominciato a diffondersi partendo dal nord. Nell’iniziativa sono state coinvolte anche le Asl che hanno ricevuto gratuitamente opuscoli informativi da distribuire ai cittadini. “Il contagio non è in alcune modo legato al consumo di carni avicole – dice il virologo Pregliasco – i motivi della diffusione del virus aviario nelle zone del sud–est asiatico sono invece nella stretta commistione tra uomini e animali che rende difficile il controllo dell’attuale epidemia tra i volatili e lo sconfinamento di questa verso gli umani. Condizioni igieniche e abitudini alimentari che non trovano riscontro in Europa”. “La situazione non è particolarmente preoccupante per il nostro paese – dice il direttore del Ccm Donato Greco – abbiamo un sistema di controllo rigoroso e collaudato che ritengo molto valido. Per il resto si può solo raccomandare ai cittadini di mettere in atto degli accorgimenti che, indipendentemente dall’aviaria, sono utili per la prevenzione delle malattie trasmesse dagli alimenti”. Il Ccm ha dunque elaborato un decalogo di consigli; Comprare pollame garantito per origine e provenienza; leggere con attenzione l’etichetta per controllare provenienza, data di scadenza e temperatura di conservazione consigliata dall’azienda produttrice; assicurarsi che la cottura della carne sia completa; mantenere sempre pulite le mani e i piani di cottura (lavaggio delle mani con sapone per almeno due minuti); tenere la carne a temperatura ambiente il meno possibile prima di collocarla nel frigorifero o nel freezer; separare nel frigo gli alimenti crudi da quelli cotti per evitare contaminazioni incrociate con gli altri cibi; lavarsi accuratamente le mani dopo aver toccato alimenti crudi; cucinare ad alte temperature; preferire gli alimenti cotti; lavare sempre con sapone gli utensili e le superfici della cucina.
9

Questo contenuto è parte integrante del progetto:

Grazie a te potremo assicurargli protezione e sostegno con le nostre task force specializzate.

Sostieni il moige

Sos Minori

Ecco le aree dove siamo attivi per la tutela dei minori. Segnalaci situazioni di illegalità e/o pericolo sui minori.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative e affrontare insieme le tante problematiche.

* L'autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 potrà essere validata proseguendo con la compilazione di questo form relativo all'iscrizione alla newsletter.