Reality in tv, Moige: “Fermeremo seconda edizione de La Fattoria”

“La Fattoria dei maleducati non deve trovare posto nella programmazione della prossima stagione” dice il Moige. Ma il direttore di Italia 1 loda la trasmissione che definisce “Di qualità”
“Non so con quale coraggio si possa dire che La Fattoria sia una via nuova al reality show e per di più uno spettacolo all’insegna della qualità”. Queste le parole con cui Elisabetta Scala, responsabile dell’Osservatorio Tv del Moige – Movimento Italiano Genitori, commenta le dichiarazioni del direttore di Italia 1 Tiraboschi. “Non si capisce dove sia la qualità in una trasmissione che ha offerto, fin dall’inizio, una serie interminabile di parolacce, litigi e addirittura bestemmie – prosegue Scala – il tutto nella fascia oraria indicata come protetta dal Codice di autoregolamentazione Tv e minori, che Italia 1 ha firmato, ma non si cura di rispettare”. “E’ incredibile che si possa esultare – prosegue ancora la responsabile del Moige – perché ieri sera “le tensioni, i nervosismi, le aspettative e le rivalità hanno scandito la puntata”, come ha detto Tiraboschi. In realtà è stata solo una pessima serata con più litigi, parolacce e volgarità del solito, ennesima dimostrazione di mancanza di rispetto nei confronti di un pubblico in buona parte composto da minori”. “Annunciare addirittura una seconda edizione, dopo tutte le polemiche e le critiche che La Fattoria si è tirata addosso è una vera e propria provocazione. Per quanto riguarda il Moige – conclude Scala – è ovvio che non staremo inermi a vederci una nuova edizione della “Fattoria dei maleducati”, ma ci attiveremo per bloccarla con tutti i mezzi a nostra disposizione”.
1

Grazie a te potremo assicurargli protezione e sostegno con le nostre task force specializzate.

Sostieni il moige

Sos Minori

Ecco le aree dove siamo attivi per la tutela dei minori. Segnalaci situazioni di illegalità e/o pericolo sui minori.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative e affrontare insieme le tante problematiche.

* L'autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 potrà essere validata proseguendo con la compilazione di questo form relativo all'iscrizione alla newsletter.