Fumo Minorile, arrivata a Bari la campagna “Lascia il fumo al capolinea”

La III tappa della mostra-bus rimarrà a Bari fino mercoledì 16 marzo. In Puglia è allarme per il fumo minorile, il 6,6% dei fumatori e degli ex fumatori ha cominciato prima dei 14 anni, lo 0,4% in più della media nazionale.
E’ arrivata sabato mattina, alla scuola media statale “Quasimodo – Melo” la terza tappa della campagna informativa sul fumo minorile chiamata “Lascia il fumo al capolinea”, che fino a maggio girerà le scuole elementari e medie di Puglia, Campania, Sicilia, Calabria, e Basilicata, le regioni in cui si comincia prima a fumare. L’iniziativa, organizzata dal Moige – Movimento Italiano Genitori, con il contributo economico di Philip Morris Italia per prevenire l’abitudine del fumo fin da bambini, è partita l’8 marzo 2004 ed ha già raggiunto, nelle due tappe del centro Italia, circa 9.500 bambini. Questa terza tappa si concluderà il 6 maggio e raggiungerà circa 10.300 bambini tra gli 8 e i 13 anni, 3.800 dei quali pugliesi. In Puglia sul fumo minorile non si può certo stare tranquilli: il 9,5% dei ragazzi tra gli 11 e i 15 anni fuma e il 6,6% dei fumatori ed ex fumatori dice di avere acceso la prima sigaretta ancor prima dei 14 anni, contro una media nazionale del 6,2% (0,4% in più). La campagna girerà le scuole elementari e medie di Bari fino a mercoledì 16 marzo; i piccoli studenti della città avranno così la possibilità di visitare la mostra-bus con i giochi interattivi e le testimonianze di personaggi dello sport, e anche di assistere, senza alcuna spesa per le scuole, ad un simpatico teatrino di marionette i cui protagonisti sono “Pol” e “Mon”, il polmone sano e quello malato a causa del fumo. La campagna del Moige, studiata da pedagogisti e psicologi tenendo strettamente conto della giovane età dei suoi destinatari mira, in particolar modo, a mettere in guardia da un rischio che molti sembrano ignorare: la dipendenza. Secondo una recente indagine condotta della Swg di Trieste infatti la maggior parte dei bambini italiani non crede che il fumo provochi dipendenza ed è dunque convinto di poter smetter quando vuole; una “leggenda” che favorisce la nascita di un pericolosa abitudine. Studi scientifici dimostrano infatti che nei minori le dipendenza nascono assai più velocemente che negli adulti, e che qualche sigaretta a settimana da bambini espone al rischio di diventare grossi fumatori da adulti. Per chi voglia conoscere nei particolari la campagna c’è il sito www.lasciailfumoalcapolinea.it dove anche i genitori possono trovare consigli utili per parlare di fumo ai propri figli. La campagna ha il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Istituto Italiano di Medicina Sociale, della Società Italiana di Pediatria e della Federazione Italiana Medici Pediatri. Le tappe del Tour Pugliese: 1/03/05- Lecce, 2°circolo scuola elementare E. De Amicis 2/03/05- Lecce: 2°circolo scuola elementare San Domenico Savio 3/03/95- Lecce: scuola media Antonio Galateo 4/03/05- Lecce: istituto comprensivo Marcelline 5/03/05 –Lecce: scuola media Antonio Galateo 7/03/05- Brindisi: scuola elementare Livio Tempesta (mattina) 7/03/05- Brindisi: scuola elementare San Giovanni Bosco” (pomeriggio) 8/03/05- Brindisi: 3° circolo statale Cappuccini 9/03/05- Taranto: 12° circolo Livio Tempesta 10/03/05 – Taranto: 12°circolo Livio Tempesta 11/03/05- Taranto: 24° circolo Tramontone 12/03/05- Bari: scuola media statale Quasimodo-Melo 14/03/05- Bari: direzione didattica 16° circolo 15/03/05- Bari: scuola elementare Mameli 16/03/05- Bari: scuola elementare Rodari 17/03/05- Foggia: scuola media Pio XII 18/03/05- Foggia: scuola elementare Livio Tempesta 19/03/05- Foggia: scuola elementare Livio Tempesta Ufficio Stampa Moige Ilaria Ciancaleoni Bartoli Tel diretto 06. 3215669 Tel (centralino) 06. 66192122 Cell: 333. 4793357 ufficiostampa@genitori.it i_ciancaleoni@yahoo.it
8

Grazie a te potremo assicurargli protezione e sostegno con le nostre task force specializzate.

Sostieni il moige

Sos Minori

Ecco le aree dove siamo attivi per la tutela dei minori. Segnalaci situazioni di illegalità e/o pericolo sui minori.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative e affrontare insieme le tante problematiche.

* L'autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 potrà essere validata proseguendo con la compilazione di questo form relativo all'iscrizione alla newsletter.