L.124/2017 - Moige - Movimento Italiano Genitori

L.124/2017

365 GIORNI DI INTENSO IMPEGNO PER ESSERE
LA VOCE DI GENITORI E FIGLI

 

Il MOIGE – Movimento Italiano Genitori Onlus nel corso del 2021 si è fatto portavoce degli interessi dei minori e dei genitori nelle sedi istituzionali competenti; ha ideato e realizzato numerosi interventi e iniziative rivolte ai minori, ai loro genitori e insegnanti, all’opinione pubblica, riguardanti il corretto utilizzo dei mezzi di comunicazione, il contrasto del cyberbullismo, la prevenzione del fumo minorile e delle dipendenze, la disabilità e l’inclusione scolastica, il sostegno alla genitorialità, l’orientamento scolastico e il tema della legalità.
Sul sito www.moige.it sono costantemente aggiornate tutte le nostre attività.
Nel 2021 abbiamo rafforzato la presenza sui social network tramite l’aggiornamento delle pagine Facebook (Moige – Movimento Italiano Genitori), Twitter (Moige_genitori), Instagram (moige_onlus) e Linkedin (Moige – Movimento Italiano Genitori), incrementando la portata delle persone coinvolte e le interazioni con i nostri utenti.

Di seguito una sintesi delle attività del 2021 suddivisa in macro aree:

 

BULLISMO, CYBERBULLISMO E CITTADINANZA DIGITALE

  • A gennaio 2021 si sono concluse le attività di MURIAMOILBULLISMO un progetto dell’I.C. Barbara Rizzo di Formello e del MOIGE, con lo scopo di generare pratiche e ambienti “positivi” all’interno dell’Istituto attraverso l’attività sportiva e motoria tra gli studenti della primaria e secondaria di I grado per rinforzare le personalità e sviluppare le potenzialità individuali per ridurre l’incidenza dei fenomeni di fragilità, bullismo e cyberbullismo.
Gli esperti dell’Opes, organizzazione per l’educazione allo sport, ente riconosciuto dal Coni, hanno coinvolto i ragazzi in un torneo di scacchi e pallavolo.
  • Giro d’Italia: Centro Mobile di sostegno e supporto per le vittime di bullismo e cyberbullismo è il progetto Moige finanziato da Banca d’Italia con l’obiettivo di ridurre l’incidenza del disagio giovanile conseguente il fenomeno del Cyberbullismo causato dall’uso scorretto delle nuove tecnologie, con azioni mirate di prevenzione e contrasto dentro e fuori le scuole, attraverso il coinvolgimento diretto di genitori, docenti, degli operatori del territorio e soprattutto dei pari. 100 scuole primarie e secondarie di I e II grado sono state coinvolte con azioni di formazione, tra queste, 10 scuole di 10 Comuni in 7 Regioni del Centro-Sud Italia sono state raggiunte da eventi formativi online: Narni (Terni), Porto Sant’Elpidio (Fermo), Crognaleto (Teramo), Campobasso, Pietrabbondante (Isernia), Bitetto (Bari), Casali del Manco (Cosenza), Villapiana (Cosenza), Santo Stefano Quisquina (Agrigento) e Sommatino (Caltanissetta).
  • Giovani Ambasciatori contro il bullismo e il cyberbullismo: è il progetto dell’IC Roccagorga-Maenza e del Moige con lo scopo di prevenire i rischi dell’uso scorretto di internet, in un momento in cui i ragazzi ne sono ancora più esposti, a causa delle molte ore che passano connessi alla rete in seguito all’emergenza Covid19. Il progetto ha coinvolto 60 plessi del territorio regionale/nazionale, per formare docenti minori e genitori tramite materiale informativo dedicato e l’accesso a contenuti formativi sul tema. 20 scuole partecipanti al progetto hanno partecipato ad un webinar con una psicologa della task force del Moige.
  • Tutti insieme contro il bullismo e cyberbullismo è il progetto dell’IPSEOA “Pellegrino Artusi” di Roma e del Moige di contrasto al bullismo e al cyberbullismo. Il progetto ha visto la creazione di una rete di 70 scuole secondarie di II° del territorio nazionale, la realizzazione di percorsi informativi/formativi, kit cartacei e formazione su piattaforma web, contenuti specifici per alunni con bisogni educativi speciali (BES). In 20 plessi tra quelli coinvolti è stata organizzata 1 giornata di evento webinar in cui sono state affrontate tematiche legate all’inclusione e al rispetto delle differenze, utilizzo corretto del web, rischi connessi a un uso improprio della rete. Gli studenti hanno avuto a disposizione il call center/helpline per segnalare casi di bullismo, gli operatori Moige. Sono state realizzate altresì: azioni di comunicazione sui media locali, sezione dedicata sul sito Moige, monitoraggio e valutazione d’impatto dell’iniziativa realizzata nelle scuole partecipanti con la produzione di un Report conclusivo degli interventi realizzati e pubblicizzazione dei risultati sulle piattaforme web.
  • Giovani Ambasciatori contro Bullismo e Cyber Risk, in giro per l’Italia è il progetto Moige finanziato dalla Fondazione Banco di Napoli che ha coinvolto 20 Scuole secondarie di I° II° della regione Campania, 5 delle quali hanno usufruito dell’intervento diretto della task force del Moige tramite webinar dedicati. Abbiamo agito su studenti, docenti, genitori e cittadinanza per fronteggiare bullismo e cyberbullismo. Sono stati realizzati incontri informativi per studenti, organizzati da docenti e pari formati tramite materiale informativo e piattaforma Moige dedicata con il supporto del Call Center Moige; azioni di comunicazione sui media locali, sezione dedicata sul sito Moige, valutazione d’impatto e il report di progetto che è stato diffuso a stakeholders e media. Tramite questa campagna abbiamo coinvolto 2.500 ragazzi, 60 docenti e 50 Giovani Ambasciatori. Ciascuna scuola partecipante ha ricevuto un Kit didattico digitale con contenuti idonei a target diversificati per promuovere la formazione e l’approfondimento sul tema della prevenzione e del contrasto al cyberbullismo e agli altri pericoli del web.
  • Non cadere nella rete – Progetto di educazione digitale per il contrasto dei cyber risk è il progetto nazionale dell’IC “Castiglione M.M. – Carunchio” e del Moige che intende contrastare bullismo, cyberbullismo, cyber risk e le discriminazioni, anche di genere, che stanno alla base degli stessi. 20 scuole secondarie di I grado in tutta Italia, sono state coinvolte in attività di formazione e informazione per minori, docenti e genitori; “presa in carico online” con psicologhe tramite il Centro Mobile Digitale e i Digital Open Days. Gli studenti sono stati chiamati a produrre contenuti per il giornale online del MOIGE contro il bullismo. Durante tutto il corso progetto è stata svolta una continua attività di monitoraggio e valutazione, tramite questionari di gradimento per i docenti, studenti e genitori. Sono state inoltre raccolte delle testimonianze direttamente dai partecipanti.
  • Insieme contro il bullo: è il progetto promosso dal Moige con il contributo di Fondazione di Comunità Milano e destinato a 60 scuole secondarie milanesi, “Insieme contro il bullo” ha come obiettivo quello di prevenire casi di bullismo e sensibilizzare i ragazzi alle tematiche del cyberbullismo, in crescente aumento soprattutto dopo gli anni della pandemia e della DAD. Oltre alla prevenzione, è importante incoraggiare il sostegno alle vittime, ed il Moige, grazie agli Open Day e al Call Center, ha perseguito tale obiettivo. Inoltre, la formazione mirata di Giovani Ambasciatori per il contrasto al bullismo e per la cittadinanza digitale, ha permesso la presenza nei plessi scolastici di giovani punti di riferimento, figure responsabili ed adeguatamente preparate ad agevolare la richiesta di aiuto dei compagni in difficoltà e a fornire sostegno nei momenti di necessità.
  • Giovani Ambasciatori Contro Bullismo E Cyber Risk – In Giro per l’Emilia: è un’iniziativa Moige finanziata dalla Fondazione del Monte, volta al contrasto di bullismo e cyberbullismo attraverso azioni di comunicazione e prevenzione dirette ai ragazzi, ai docenti e ai genitori. Sono 7 le scuole nella provincia di Bologna e Ravenna coinvolte nel progetto, di cui 2 hanno usufruito di webinar formativi con una psicologa della nostra task force contro bullismo e cyberbullismo, l’obiettivo è stato quello di fornire ai ragazzi gli strumenti per contrastare tali fenomeni sempre più diffusi tra i giovani.
  • Comunità in rete contro i cyber risk: è un progetto destinato a prevenire e contrastare il bullismo agito in 400 scuole e all’interno di 20 reti relazionali dei minori. Finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il progetto è rivolto ai giovani studenti delle scuole di tutto il territorio nazionale, con il fine ultimo di contrastare ogni forma di violenza, da quella offline a quella online. Infatti, è prevista una particolare attenzione verso le tematiche della cyber security, dell’uso dei devices e della rete internet, nell’ottica preventiva al fenomeno sempre più in aumento del cyberbullismo. In 20 Comuni sul territorio nazionale verrà aperto uno sportello di ascolto contro il bullismo e i pericoli della rete.
  • MOBILItiamoci! Servizi sperimentali per la prevenzione ed il contrasto alla violenza legata al bullismo e al cyberbullismo: “MOBILItiamoci!” è un progetto rivolto a contrastare gli episodi di bullismo in danno di minori stranieri, vittime della discriminazione. I minori di ogni nazionalità hanno necessità e diritto di essere tutelati, per questo il Moige, sostenuto dal Ministero dell’Interno e co-finanziato dall’Unione Europea, propone un’iniziativa che combatta le differenze e promuova l’integrazione sociale e culturale tra i ragazzi e i bambini, partendo dagli anni dell’infanzia. Il bullismo e cyberbullismo sono fenomeni che possono acuirsi se alla base è presente una matrice di origine discriminatoria: è opportuno per questo mobilitarsi per costruire un futuro per i più giovani che sia il più rispettoso possibile dell’altro. Nel 2022 saranno realizzate 30 tappe di formazione nei comuni italiani.

 

ORIENTAMENTO SCOLASTICO

  • Metti a fuoco l’obiettivo 2030 è il progetto gratuito che ha coinvolto, su tutto il territorio nazionale, 30 scuole secondarie di I e II grado con cui si sono organizzati momenti didattici sul tema del Cinema e del linguaggio cinematografico e audiovisivo. L’iniziativa si è posta come momento di conoscenza e di scambio (brainstorming, circle time, roleplaying) su fenomeni e temi di impatto sociale dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile. Il progetto è stato realizzato dall’Istituto Comprensivo “Luigi di Savoia” di Rieti, insieme al Moige – Movimento Italiano Genitori ONLUS e Fluendo con il contributo del Miur e MiBAC – Ministero per i beni e le attività culturali.

 

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ

  • Il progetto “Neonati in famiglia” arriva in Campania grazie al finanziamento della Fondazione Terzo Pilastro. Sono 20 le neo mamme in condizioni di fragilità e di svantaggio che sono state supportate, creando momenti di ascolto, di confronto e condivisione su dubbi, curiosità, proposte, domande sul mestiere di genitore, ma anche un vero e proprio spazio in cui superare le difficoltà che troppo spesso vengono soffocate dal desiderio di essere “genitori infallibili”. La campagna, ha visto la realizzazione di incontri di accoglienza e conoscenza, tenuti da genitori esperti della rete Moige che forniscono aiuto pratico, sostegno e consigli utili sulle principali linee educative e sulle buone abitudini da trasmettere ai figli nel corso dell’infanzia. A tutte le famiglie coinvolte nell’intervento è stato donato un contributo economico sotto forma di beni di prima necessità o visite specialistiche per la salute del bambino.
  • Il progetto “Neonati in famiglia” arriva anche a Bologna grazie al finanziamento della Fondazione Carisbo. Sono 5 le neo mamme in condizioni di fragilità e di svantaggio che sono state supportate.
  • Ristoranti Family Friendly – Costruire una rete di accoglienza per le famiglie italiane” è il progetto completamente gratuito che il Moige – Movimento Italiano Genitori ONLUS, affiancata dall’Associazione “Dipartimento Solidarietà Emergenze – Federazione Italiana Cuochi” (DSE FIC), promuove per un servizio d’informazione che miri a ridare visibilità e attenzione alle famiglie, con i propri bisogni specifici, nell’ambito della ristorazione.
E’ stata realizzata una guida di 316 ristoranti adatti ad accogliere le famiglie, un’APP e una landing page dedicata.
  • Scuola e famiglia: alleate per il futuro dei più giovani” è il progetto gratuito che ha coinvolto, su territorio nazionale, 30 scuole secondarie di primo grado sull’importanza della partecipazione attiva alla vita scolastica. In tal senso, l’iniziativa si è proposta di rafforzare la collaborazione scuole/famiglie con azioni volte a rilanciare il ruolo centrale della prima. Il progetto è stato realizzato dall’Istituto Comprensivo “Via Cassia 1964” di Roma, insieme al Moige – Movimento Italiano Genitori ONLUS – con il contributo del MIUR – Dip.to per l’Istruzione Direzione Generale per lo Studente l’Integrazione e la Partecipazione.
  • Officine dei sogni: nel territorio di Lunghezza il progetto “Officine dei sogni” intende promuovere la realizzazione di una comunità educante a supporto di minori e famiglie volta a combattere la povertà educativa e la dispersione scolastica. Le attività laboratoriali per ragazzi e la Peer Education permettono l’acquisizione di competenze tali da arricchire ed innovare la didattica a loro destinata. In questo progetto il coinvolgimento della famiglia e della comunità è funzionale ad uno scambio formativo, ne sono un esempio le esperienze di outdoor education per gli studenti tra i 6 e 13 anni coinvolti che andranno a diminuire il divario tra giovani e società. A fianco al Moige, partner del progetto sono l’European Devolopment Consulting S.r.l, Progetto GRAF, Ludus Società Cooperativa RL e l’Associazione culturale e teatrale Lucrezia.

 

SOSTEGNO PSICOLOGICO

  • Ripartiamo Insieme: è il progetto di supporto psicologico per la scuola primaria e secondaria di I° grado con cui è stata contrastata l’emergenza educativa ed il disagio psicologico causato dalla pandemia, dalle relazioni e didattica a distanza e dall’isolamento. Sportelli di ascolto, workshop di gruppo e numero verde a supporto dell’azione, sono gli strumenti chiave del progetto, utili a promuovere il benessere dei più giovani che hanno registrato, dopo l’emergenza sanitaria che ha colpito il Paese, sentimenti di tristezza, malinconia, rabbia e paura come ricorrenti (Centri studi CNOP).
  • L’arcobaleno delle emozioni: è il progetto realizzato dal Moige insieme all’Istituto Comprensivo 1 “Oristano” con il contributo del MIUR con l’obiettivo principale di contrastare la povertà educativa e la scarsa alfabetizzazione digitale emerse proprio durante l’anno della pandemia, nel momento in cui i ragazzi erano costretti all’isolamento e alla didattica a distanza e in cui sono emersi per loro problemi legati all’ansia da prestazione scolastica, all’apprendimento, alle relazioni con i pari. Attivando reti di supporto e sostenendo le scuole attraverso sportelli di ascolto e workshop di gruppo, il Moige ha fornito strumenti concreti ma anche psicologici utili ad affrontare il trauma che la pandemia ha causato.

 

CONTRASTO ALLE DIPENDENZE

  • Hugs not drugs
    I rischi sociali, legali e sanitari derivanti dall’uso di sostanze stupefacenti da parte dei ragazzi sono innumerevoli. “Hugs not Drugs” è il progetto che intende intervenire preventivamente su situazioni potenzialmente a rischio e non, per scongiurare le conseguenze di un possibile uso e abuso di droghe. Agendo preventivamente sui ragazzi ma anche sui docenti e/o genitori tramite la giusta sensibilizzazione e corretta informazione si avrà come obiettivo ultimo la riduzione del rischio delle dipendenze. Diffondere la cultura della legalità all’interno del contesto scolastico, promuovere uno stile di vita sano, coadiuvare l’azione di genitori e docenti nel riconoscimento dei segnali dell’uso di sostanze, sono le azioni mirate e concrete che il Moige intraprende, grazie anche alla collaborazione con la DCSA e DPA.

 

OSSERVATORIO MEDIA

L’Osservatorio media è un osservatorio permanente che, grazie all’aiuto di un focus group di esperti, si preoccupa della tutela dei minori con riferimento ai media. In particolare: fornisce alle famiglie informazioni utili per un uso corretto della tv e delle nuove tecnologie, monitora i programmi televisivi e web, i social e raccoglie le segnalazioni degli utenti (numero verde 800.93.70.70 e sito internet www.moige.it), positive e negative, segnala eventuali violazioni delle norme vigenti per la tutela dei minori agli organi competenti, fa conoscere e denuncia a mezzo stampa le eventuali violazioni, sensibilizza i rappresentanti del settore ad avere un senso etico e un’attenzione alla tutela dei minori riguardo ai prodotti audiovisivi e web, e le istituzioni al fine di un miglioramento delle norme vigenti.
La XIV edizione di “Un anno di zapping… e di like 2020/2021” è stata presentata in forma digitale per prevenire la diffusione da contagio da Covid-19 coinvolgendo anche da remoto istituzioni, direttori di rete, autori, presentatori, produttori, attori e professionisti della tv, della comunicazione e del web. Sono stati analizzati 300 prodotti televisivi e web divisi in 5 categorie: “Fiction, serie tv e docu-fiction“; “Intrattenimento, cultura, informazione e reality“; “Tv per bambini e ragazzi”; “Comunicazioni commerciali e campagne sociali“ e “Canali social“. Per quanto riguarda TV e piattaforme web, sono stati conferiti 36 premi, 65 i programmi valutati di qualità da vedere in famiglia, che abbinano contenuti validi e interessanti a una buona forma tecnica, 68 quelli qualitativamente buoni, senza elementi inappropriati, 21 i sufficienti, 11 scadenti e 6 bocciati. Le comunicazioni commerciali e le campagne sociali analizzate sono state 37, delle quali 12 hanno ottenuto il premio, 10 sono state valutate di qualità, abbinando contenuti validi e interessanti a una buona forma tecnica, 10 buoni senza elementi inappropriati, 1 sufficiente e 4 bocciate. Infine, 55 i profili YouTube e Instagram visionati: 12 di questi hanno ottenuto il premio, 10 sono stati valutati di qualità, abbinando contenuti validi e interessanti a una buona capacità comunicativa, 13 qualitativamente buoni, senza elementi inappropriati, 6 sufficienti, 5 insufficienti e 9 bocciati. Anche in questa edizione, ci sono stati i 3 Premi speciali della Polizia Postale, della Polizia Stradale e della FIC-Federazione Italiana Cuochi. L’Osservatorio si è occupato di monitorare ed esaminare la programmazione televisiva e web italiana nei suoi contenuti da un punto vista tecnico, psicologico, e dei valori e modelli trasmessi rispetto a un pubblico familiare e in particolar modo di minori, anche in base alle segnalazioni pervenute al nostro Osservatorio Media, al numero verde o sulle nostre pagine social.

 

RELAZIONI ISTITUZIONALI

Partecipazioni a convegni, attività esterne ed eventi territoriali

Dal 2008 fa parte del FoNAGS (Forum Nazionale delle Associazioni dei Genitori della Scuola), istituito presso il Dipartimento per l’Istruzione – Direzione generale per studente l’integrazione, la partecipazione e la comunicazione – Ufficio III, al fine di assicurare una sede stabile di consultazione delle famiglie sulle problematiche scolastiche ed esprimere pareri sugli atti e le iniziative del Ministero in materia di istruzione. A livello regionale aderiamo ai FoRAGS (Forum Regionale delle Associazioni dei Genitori della Scuola) coprendo le seguenti regioni: Abruzzo, Lazio, Puglia, Campania, Molise, Sicilia, Sardegna, Toscana.
A causa della pandemia il lavoro di confronto sulle problematiche emergenziali è stato costante e fondamentale per far conoscere e affrontare le difficoltà delle famiglie.

MOIGE sul territorio

La rete dei volontari ha supportato le attività nazionali della sede del MOIGE divulgando i contenuti informativi e i progetti sociali nel proprio territorio di competenza.
Alcuni volontari hanno partecipato alle riunioni Forags in veste di rappresentanti Moige, realizzando attività con altre associazioni su tematiche legate al sociale, alla scuola e alla prevenzione. In alcune regioni sono stati seguiti i lavori dell’assessorato per l’azione di contrasto al bullismo e cyberbullismo, sono stati rivestiti ruoli attivi nell’ambito della sicurezza stradale e sono stati diffusi i materiali progettuali e divulgate le info sulle attività Moige a supporto dei minori, in diverse comunità parrocchiali e scolastiche.
Sempre in prima linea per promuovere il valore della genitorialità, i nostri volontari hanno anche raccolto le esigenze sociali, segnalato situazioni di pericolo, alimentato il dialogo con le istituzioni locali. Inoltre, a causa dell’emergenza pandemica, hanno proseguito il prezioso lavoro a livello locale avviato già l’anno precedente: il contatto intensificato con gli Uffici Scolastici Regionali è stato importante per un aggiornamento costante sulle problematiche molto diversificate sul territorio al fine di consentire comunque l’andamento dell’anno scolastico e una fondamentale relazione scuola/famiglia.

Si segnala inoltre particolare:
– Moige Toscana: avviato iter per entrare nel “Tavolo prevenzione violenze sui minori” della prefettura di Firenze; intervento all’evento “Didacta” con i nostri “Giovani ambasciatori”
– Moige Veneto: attività anche nel FOPAGS – forum dei genitori della scuola di Padova che si è occupato anche di promuovere l’applicazione nelle scuole del territorio di metodi di ventilazione delle aule per ridurre il contagio, di interventi sul disagio psicologico giovanile e di promuovere un corretto dialogo scuola-famiglia e attività di orientamento scolastico

 

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE IN NUMERI:

1) COMUNICATI STAMPA 2021

Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2021 sono stati inviati oltre 135 comunicati, riguardanti sia le campagne del MOIGE, sia le attività del day by day.

2) RASSEGNA STAMPA 2021

Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2021 abbiamo archiviato sul nostro sito una selezione di oltre 2.238 articoli di rassegna stampa che parlano di noi.

3) RASSEGNA AUDIOVIDEO 2021

Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2021 il MOIGE è stato presente su tv e radio monitorate da Datavideo oltre 31 volte.

 

ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA E DI PUBBLICITA’ – LEGGE 4 AGOSTO 2017 N. 124

 

 

 

Roma, 27 Luglio 2018

Avviso N.1/2017 – formulario e piano economico

In merito all’avviso per il finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza nazionale ai sensi dell’articolo 72 ddl 3 luglio 2017, n117 – anno 2017 si pubblicano il formulario dell’iniziativa/progetto e il piano economico.