Parte nel Lazio “Sicurezza ovunque”: presentati i dati sugli incidenti in strada, a scuola e a casa.

Nel Lazio salgono a 5.862 le denunce per incidenti a scuola. Calano invece gli incidenti domestici. Oltre 1.000 sinistri stradali in meno rispetto al 2012.  

È stata presentata oggi, presso la Direzione Regionale di Inail Lazio in via Nomentana 74, la seconda edizione della campagna “Sicurezza ovunque”, volta a sensibilizzare studenti, insegnanti e genitori sull’importanza di adottare comportamenti sicuri nella vita e negli ambienti di tutti i giorni. L’iniziativa, nata dalla collaborazione di Inail – Direzione Regionale Lazio e Moige – movimento genitori, mira a informare, con un linguaggio adatto anche ai bambini, circa la pericolosità di atteggiamenti irresponsabili a scuola, in casa o in strada, trasmettendo buone regole per prevenire gli incidenti.

A CASA In tutta Italia si registra una consistente diminuzione degli infortuni in ambito domestico nell’anno 2013. Rispetto alla precedente rilevazione (2012) si è passati da 1024 a 794 casi. La stessa tendenza si verifica anche nel Lazio, che registra una diminuzione passando dalle 115 unità del 2012 ai 101 casi del 2013. La fascia di età più a rischio in casa riguarda uomini e donne tra i 50 e i 65 anni. (Fonte banca dati Inail)

A SCUOLA Nell’ambito nazionale, in controtendenza rispetto agli infortuni domestici, si registra un aumento delle denunce pervenute all’Inail per quanto riguarda gli infortuni a scuola. Si passa dalle 87.964 segnalazioni del 2012 alle 88.521 del 2013. Nel Lazio relativamente agli infortuni occorsi agli studenti, per i quali è prevista una copertura assicurativa delle attività che si svolgono in palestra e nei  laboratori, si evidenzia nel 2013 un aumento rispetto all’anno precedente, poiché gli stessi sono passati da 5.742 nel 2012 a 5.862. (Fonte banca dati Inail)    

IN STRADA Stando ai dati forniti dall’Inail nel 2013 si registra una consistente diminuzione degli infortuni stradali, intendendosi per tali quelli avvenuti con mezzo di trasporto sia “in itinere” (percorso casa-lavoro-casa), sia in occasione di lavoro. In particolare  in Italia, le denunce passano da 100.461 nel 2012 a 96.137 nel 2013. Nel Lazio i casi denunciati nel 2013 sono 9.738 a fronte dei 10.819 dell’anno precedente. Comparando le varie province del Lazio al primo posto c’è Roma con 8.246 infortuni denunciati; seguono nell’ordine Frosinone (541), Latina (532), Viterbo (273) e infine Rieti (191). (Fonte banca dati Inail)

LE DICHIARAZIONI “Anche quest’anno continua la collaborazione dell’Inail Lazio con il Moige in considerazione dei  risultati incoraggianti realizzati già con la 1 edizione di questa campagna informativa il cui obiettivo, lo ricordiamo, è quello di diffondere la conoscenza dei rischi insiti in ogni luogo come casa, scuola e lavoro. E’ l’ulteriore progetto realizzato dall’Inail Lazio che si rivolge sia ai bambini che alle famiglie affinché diventino testimoni e promotori dei comportamenti corretti da assumere per evitare di subire l’accadimento degli infortuni”. Queste le parole di Caterina Crupi, direttore vicario Direzione Inail Lazio. “La cultura della sicurezza è uno degli obiettivi più importanti da perseguire. Un obiettivo che può essere perseguito soltanto con forti sinergie fra Enti attenti e coinvolti in queste problematiche. In questo senso MOIGE ed INAIL hanno sviluppato modelli di prevenzione di ottimo livello; ci auguriamo che tali buone pratiche possano proseguire per intervenire ancora di più sull’assunzione di rischi e sulle conseguenze spesso drammatiche”.Dichiara Anna Maria Giannini, docente di psicologia dell’Università “Sapienza” di Roma, esperta in sicurezza. “Il concetto stesso di sicurezza nasce dalla predisposizione di adeguate strategie di prevenzione. “Sicurezza ovunque” si prefigge l’obiettivo di educare genitori, insegnanti e soprattutto i più piccoli, attraverso la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti: dalle istituzioni alla società civile, dalla scuola alle famiglie”. Così Mario Ciampi, vice direttore Moige – movimento genitori e responsabile progetto.

LA CAMPAGNA Oggi è prevista la prima tappa di “Sicurezza ovunque” presso l’I.C. Bravetta (in via di Bravetta, 36) di Roma. La campagna raggiungerà oltre 4000 studenti di 13 istituti ripartiti tra le cinque province del Lazio, per un totale di 225 classi coinvolte. Gli studenti formeranno delle squadre e saranno chiamati a partecipare ad un gioco interattivo. Ai genitori e agli insegnanti sarà assegnato un booklet informativo ricco di nozioni e suggerimenti per approfondire la conoscenza del tema della sicurezza. A Roma e provincia sono previste complessivamente 9 giornate dedicate al gioco e all’informazione, fino a venerdì 24 ottobre. L’istituto comprensivo Bravetta replica domani, al plesso “Emanuela Loi”, l’open day formativo previsto nella mattinata di oggi. Le altre scuole della Capitale coinvolte sono nell’ordine: l’I.C. Aretusa (giovedì 16 e venerdì 17 ottobre) e l’I.C. Largo Cocconi (lunedì 20 ottobre). Martedì 21 e mercoledì 22 ottobre gli open day si spostano in provincia e precisamente a Civitavecchia, presso le due sedi dell’istituto Don Milani; le ultime due tappe di “Sicurezza ovunque” (giovedì 23 e venerdì 24 ottobre) saranno entrambe a Villanova di Guidonia, rispettivamente nei plessi Morelli e di via Lamarmora dell’istituto Eduardo De Filippo. “Sicurezza ovunque” arriverà a Rieti all’istituto di Casperia (27 ottobre) e alla scuola primaria di Forano (28 ottobre).  Poi sarà la volta dell’I.C. Chiominto e del Don Silvestro Radicchi di Cori (provincia di Latina) il 29 e 30 ottobre. Due tappe anche a Viterbo previste all’istituto Falcone-Borsellino: il 31 ottobre a Canepina e il 3 novembre a Vignanello. Chiude la campagna Frosinone con le scuole Basilio Conflitti, Casalvieri e Broccostella nelle date di martedì 4 e giovedì 6 novembre.

Questo contenuto è parte integrante del progetto:
Questo contenuto è parte integrante del progetto:

Grazie a te potremo assicurargli protezione e sostegno con le nostre task force specializzate.

Sostieni il moige

Sos Minori

Ecco le aree dove siamo attivi per la tutela dei minori. Segnalaci situazioni di illegalità e/o pericolo sui minori.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative e affrontare insieme le tante problematiche.

* L'autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 potrà essere validata proseguendo con la compilazione di questo form relativo all'iscrizione alla newsletter.