SICUREZZA: “IN ITALIA OGNI ANNO 90.000 DENUNCE DI INCIDENTI SOLO A SCUOLA, A CUI SI SOMMANO QUELLI A CASA E IN STRADA: PER PREVENIRLI, INIZIANDO DA MINORI E GENITORI, PARTE LA CAMPAGNA DEL MOIGE”

“Sicurezza Ovunque”, è questo il nome della nuova campagna del Moige – Movimento Italiano Genitori, realizzata con il patrocinio dell’Inail e della Polizia di Stato e il contributo del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca. Volta a sensibilizzare studenti, insegnanti e genitori sull’importanza delle norme basilari relative alla sicurezza in strada, in casa e negli ambienti scolastici, la campagna mira a promuovere, con un linguaggio adatto ai bambini, un’informazione chiara e completa sui rischi dovuti all’inosservanza delle norme di sicurezza a casa, a scuola e in strada, anche per evidenziare i comportamenti virtuosi da tenere per prevenire gli incidenti.

Stando al Rapporto Europeo sulla prevenzione degli infortuni nei bambini – realizzato dalla World Health Organization, Regional Office for Europe, nel 2008 – gli infortuni sono la prima causa di morte nei bambini e negli adolescenti tra i 5 e i 19 anni e tra le principali fonti di morte in questa fascia d’età vi sono gli incidenti stradali, gli avvelenamenti acuti, le ustioni e le cadute, che nel 2004 hanno causato il decesso rispettivamente di 16.400, 3.000, 1.700 e 1.500 bambini e adolescenti.

Per quanto riguarda l’Italia, gli ambienti in cui più facilmente si incorre in incidenti sono proprio la casa, la scuola e la strada.

A SCUOLA

Secondo i dati riportati dall’Inail, ogni anno sono oltre 90.000 le denunce per infortunio e tra il 2008 e il 2009 si è registrato un aumento di dati negativi sia per gli insegnanti che per gli studenti. Nel 2008, infatti, per quanto riguarda gli insegnanti, sono stati denunciati all’Inail 13.879 infortuni (2.027 uomini e 11.852 donne*) mentre nel 2009 sono stati denunciati 14.239 infortuni* (12.277 donne e 1.962 uomini): un incremento di 360 incidenti. Per quanto riguarda la ripartizione geografica, nel 2008 e nel 2009 i docenti coinvolti al Nord sono stati rispettivamente 6.359 e 6.601, al Centro 2.787 e 2.769, al Sud 2.974 e 3.094 e nelle Isole 1.759 e 1.775. Anche per ciò che concerne gli studenti c’è stato un aumento di infortuni, passando dai 92.060 del 2008 (53.225 maschi e 38.835 femmine) ai 93.328 infortunati del 2009, 53.545 maschi e 39.783 femmine, così ripartiti geograficamente rispettivamente nel 2008 e nel 2009: al Nord 48.585 e successivamente 52.274 studenti infortunati, al Centro 16.652 e l’anno successivo 15.686, al Sud prima 19.205 e poi 18.065 e nelle Isole si è passati da 7.618 a 7.303*.

Secondo Cittadinanzattiva**, inoltre, gli edifici scolastici sul suolo italiano hanno grandi deficit di sicurezza. Solo il 37% delle scuole italiane, infatti, ha la certificazione di agibilità statica e il 55% delle scuole si trova in zona a rischio sismico. Solo il 31% ha una certificazione di prevenzione di incendo. Le scale di sicurezza sono assenti nel 29% dei casi, il 93% degli istituti non ha porte antipanico e per quanto concerne le aule, nel 38% dei casi presentano finestre non integre, nel 27% interruttori e prese elettriche rotti o divelti. In totale le scuole a rischio sicurezza sono 12.000.

A CASA

L’ambiente domestico rappresenta un’altra fonte di infortuni: stando ai dati Istat (fonte: Indagine multiscopo “Aspetti della vita quotidiana” anno 2007), nel 2007 gli incidenti domestici hanno coinvolto circa 2.8 milioni di persone, in particolare anziani (il 33% degli incidenti ha riguardato gli ultra 65enni) e bambini (11%). In particolare nel 2007 sono stati 360.000 i bambini fino a 14 anni vittime di incidenti domestici, 544.000 tra i 14 e i 34, 900.000 gli adulti tra i 35 e i 54 anni, 644.000 quelli tra i 55 e i 69 anni e 852.000 gli over 70. Fonte primaria di infortuni è risultata essere la cucina (65% dei casi) e le conseguenze principali sono state fratture per il 70.4% dei casi, traumi per il 5.8%, ustioni per il 4.5%.

IN STRADA

I pericoli arrivano anche dalla strada: secondo i dati elaborati dall’Aci e dall’Istat del 2008***, Ogni giorno in Italia si verificano in media 598 incidenti stradali, che provocano la morte di 13 persone e il ferimento di altre 849. Nel complesso, nell’anno 2008 gli incidenti stradali rilevati sono stati 218.963. Essi hanno causato il decesso di 4.731 persone, mentre altre 310.739 hanno subito lesioni di diversa gravità. In particolare nel 2008 sono stati 46 i passeggeri deceduti e 8.456 i feriti nella fascia d’età 0-14, mentre tra i 15 e i 19 anni sono stati 139 i morti e 9.768 i feriti. Paragonando questi dati a quelli del 2007 si evidenzia un aumento dei decessi dei passeggeri per la fascia d’età 0-14 (nel 2007 sono stati 43) e un incremento dei passeggeri feriti di età compresa tra i 15 e i 20 anni che nel 2007 ammontavano a 13.702. Per quanto riguarda i pedoni, nel 2008 i ragazzi tra 0 e 14 anni deceduti sono stati 19, mentre ammontano a 2.027 i pedoni feriti della stessa classe d’età. Per quanto riguarda la fascia 15-19 anni, nel 2008 vi sono stati 8 decessi e 1.120 pedoni feriti. Comparando i dati con quelli riportati nel 2007 si è avuto un aumento dei pedoni deceduti di età compresa tra 0 e 14, che nel 2007 sono stati 11, e anche dei pedoni feriti che nel 2007 erano 1.823. Si è registrato invece un calo per la fascia d’età 15-19 sia per i decessi che per i ferimenti.

LA CAMPAGNA

L’iniziativa punta alla prevenzione di incidenti sia degli adulti che dei minori e così da domani “Sicurezza Ovunque”, attraverso un gioco interattivo e del materiale informativo, coinvolgerà 10 regioni per un totale di 25 scuole elementari, 8.000 alunni tra i 6 e gli 11 anni, 16.000 genitori e 250 insegnanti. I bambini impareranno il valore e l’importanza della sicurezza grazie a un tappeto graffitato raffigurante un gioco dell’oca. Ogni classe formerà una squadra e i bambini si trasformeranno in vere e proprie pedine che, avanzando lungo il percorso, dovranno rispondere a una domanda sul tema della sicurezza. Ad ogni risposta corretta o sbagliata della classe seguirà un’azione particolare. Durante il gioco, le operatrici del Moige spiegheranno in modo approfondito la domanda creando un dibattito sull’argomento e le tematiche affrontate potranno essere ulteriormente approfondite sia in classe, utilizzando i materiali informativi forniti, che con i genitori, poiché sarà dato ai bambini il gioco da tavola da portare a casa. Sia i genitori che gli insegnanti riceveranno un booklet ad hoc e già da domani, inoltre, sarà on line il sito dedicato www.sicurezzaovunque.it nel quale sarà possibile reperire informazioni ed approfondimenti, rivolgere domande all’esperto on-line e scaricare il materiale informativo per gli adulti e il gioco da tavola per i ragazzi.

IL TOUR

Il tour parte domani, martedì 5 ottobre, dalla Regione Lazio (si fermerà a Roma fino a venerdì 8, poi passerà a Monterotondo da lunedì 11 a martedì 12, in provincia di Viterbo da mercoledì 13 a giovedì 14 – prima a Nepi e poi a Castel sant’Elia – e venerdì 15 sarà a Anzio), da lunedì 18 a mercoledì 20 ottobre sarà in Campania (nelle città di Boscoreale, in provincia di Napoli e Pagani in provincia di Salerno), dal 21 al 22 ottobre sarà in Molise (a Isernia), arriverà sabato 23 in Basilicata (a Potenza), lunedì 25 sarà in Umbria (a Fratticciola, in provincia di Perugia), da martedì 26 a venerdì 29 sarà in Toscana (a Siena e Firenze), venerdì 30 ottobre arriverà nelle Marche (nella città di San Benedetto del Tronto in provincia di Ascoli Piceno), da mercoledì 3 a giovedì 4 novembre il tour sarà in Abruzzo (a L’Aquila) e venerdì 5 sarà in Veneto (a Padova), da lunedì 8 a venerdì 12 sarà in Lombardia (a Milano e Brescia).

Il tour si chiuderà nella Regione Lazio, dove tornerà da lunedì 15 novembre a mercoledì 17 novembre. Per tutte le informazioni sulla campagna è possibile consultare il sito www.sicurezzaovunque.it o www.genitori.it.

*fonte: Inail

** fonte: “VIII Rapporto Nazionale sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici. Anno 2008” – Cittadinanzattiva

*** fonte: rapporto Aci-Istat “Incidenti stradali” anno 2008. per i dati del 2007 la fonte è il rapporto Aci-Istat “Incidenti stradali” anno 2007

Questo contenuto è parte integrante del progetto:
Questo contenuto è parte integrante del progetto:

Grazie a te potremo assicurargli protezione e sostegno con le nostre task force specializzate.

Sostieni il moige

Sos Minori

Ecco le aree dove siamo attivi per la tutela dei minori. Segnalaci situazioni di illegalità e/o pericolo sui minori.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative e affrontare insieme le tante problematiche.

* L'autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 potrà essere validata proseguendo con la compilazione di questo form relativo all'iscrizione alla newsletter.