Neonati in Famiglia: Araya

Haille Donativo1 768x1024

Araya è una donna di 46 anni madre di una bambina di 6. E’ nata in Etiopia dove si è laureata alla scuola di inglese della sua città e dove ha iniziato a lavorare come insegnante. È arrivata in Germania otto anni fa con un “viaggio della speranza”.

Rimasta incinta è stata abbandonata dal padre della bambina ed ha dovuto affrontare sola la sua gravidanza. In seguito alla violenza dell’uomo scappa in Italia. Mamma e figlia vivono in un appartamento condiviso con altri extracomunitari. La bambina non ha problemi a scuola ed è ben integrata nel suo gruppo. È rispettosa ed obbediente. Ama la musica e le piacerebbe imparare a suonare la chitarra e nuotare. Nonostante Araya sia una ragazza madre, non ha ricevuto alcun aiuto dallo Stato, anche l’assegno unico le è stato respinto per un errore nell’ inserimento dei dati. Attualmente lavora come donna delle pulizie chiamata e non ha un contratto. Anche se parla perfettamente l’ inglese ha problemi con l’ italiano e questa condizione le crea notevoli difficoltà nella ricerca di un lavoro fisso. Araya vorrebbe trovare un lavoro stabile per poter prendere un appartamento in affitto solo per lei e la figlia. La sua estrazione sociale è più alta rispetto la media delle donne profughe e questo le fa vivere il disagio di dover chiedere aiuto Dal colloquio è emerso che Araya non ha la possibilità di acquistare i beni di prima necessità per la sua bambina. Il suo grande desiderio è vedere felice la piccola anteponendo i suoi bisogni a quelli della figlia anche quando si trattava di scegliere i beni di prima necessità scegliendo prodotti ad uso esclusivo della bambina. Per tale ragione il bonus è stato utilizzato per alimenti, prodotti per l’igiene e scarpe per la bambina.

La mamma esperta si è adoperata nell’insegnare a Araya a scrivere il proprio CV e a saperlo aggiornare con gli standard del formato Europeo. La donna è stata messa in contatto con i salesiani dove è in funzione uno sportello” Sala Giovani” che offre consulenze e indirizza nella ricerca del lavoro. La mamma esperta ha suggerito delle attività extrascolastiche per la figlia e l’utilizzo di impacchi di camomilla come rimedio per la congiuntivite della bambina.

Condividi l'articolo su

torna alle news

Rimaniamo in contatto!

Segui via mail le nostre iniziative per la protezione dei minori

© 2023 MOIGE | Privacy Policy | Cookies Policy | C.F. 97145130585