Fumo: FIT, Moige e Filiera del tabacco insieme sul divieto all’accesso al tabacco dei minori

Al via in 36mila tabaccherie italiane la campagna ‘Non ci cascare’.

Ad un anno dall’entrata in vigore del ‘Decreto Balduzzi’*, che ha elevato da 16 a 18 anni il limite di età per la vendita dei prodotti del tabacco, FIT -Federazione Italiana Tabaccai, Moige – movimento genitori e filiera del tabacco presentano ‘Non ci cascare’, la nuova campagna informativa finalizzata a sensibilizzare tabaccai, clienti e genitori al rispetto delle norme che oggi vietano la vendita di tabacchi ai minori di anni 18 e che, a tal fine, ove l’età non sia manifesta, impongono al tabaccaio l’obbligo di richiedere il documento d’identità e al cliente di esibirlo.

La legge parla chiaro: chi trasgredisce rischia una sanzione da 250 euro a 1.000 euro nei casi di prima violazione e da 500 euro a 2.000 euro, con sospensione per tre mesi della licenza, a partire dalla seconda violazione. La mancata esibizione del documento d’identità da parte del cliente comporta il rifiuto legittimo della vendita delle sigarette.

Sono 36mila le tabaccherie italiane associate a FIT, che, a partire da oggi, distribuiranno il materiale informativo e saranno riconoscibili dall’esterno mediante un’apposita vetrofania con l’immagine di una maschera senza identità che mette in guardia i venditori con un claim molto chiaro: “Non ci cascare – La vendita di tabacco è vietata ai minori di 18 anni”.

Il progetto è realizzato con il patrocinio dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e il contributo di British American Tobacco Italia, Imperial Tobacco Italia, JT International Italia S.r.l., Philip Morris Italia S.r.l. e Logista Italia, a conferma che la prevenzione all’accesso al tabacco per i minori di 18 anni è un impegno che richiede la collaborazione di tutti: filiera produttiva, tabaccai, istituzioni e famiglie.

“Realizzare questa campagna insieme a Moige ed alla filiera produttiva rappresenta un ulteriore  segnale di quanto la nostra categoria sia sensibile alla tutela dei minori ed attiva nel prevenire la diffusione del fumo minorile. Lo abbiamo fatto in passato, lo faremo anche in futuro. Siamo convinti, infatti, che più che la legge, siano proprio le campagne di sensibilizzazione a far breccia nella coscienza di tutti”. – dichiara Giovanni Risso, Presidente della FIT.

“La tutela dei minori dal tabacco è un dovere di tutti. Fare questa campagna coinvolgendo tutta la filiera, è un passo importante perché la prevenzione all’accesso al fumo minorile è una problematica di tutti” – sostiene Maria Rita Munizzi, Presidente Nazionale Moige -. “Abbiamo lavorato molto per portare il limite di età per la vendita da 16 a 18 anni, ora ci interessa che la legge venga conosciuta e rispettata da tutti, tabaccai, clienti, genitori” – prosegue Munizzi.

A disposizione per i giornalisti: materiali grafici della campagna e contatti per interviste.

*‘Decreto Balduzzi’: art. 25 del Regio Decreto n. 2316 del 1934, modificato dall’art. 7 del D.L. n. 158/2012 convertito in Legge n. 189/2012.

Questo contenuto è parte integrante del progetto:

Grazie a te potremo assicurargli protezione e sostegno con le nostre task force specializzate.

Sostieni il moige

Sos Minori

Ecco le aree dove siamo attivi per la tutela dei minori. Segnalaci situazioni di illegalità e/o pericolo sui minori.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative e affrontare insieme le tante problematiche.

* L'autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 potrà essere validata proseguendo con la compilazione di questo form relativo all'iscrizione alla newsletter.