Giovani Ambasciatori contro bullismo e cyber risk, in giro per l'Italia - Moige - Movimento Italiano Genitori

Giovani Ambasciatori contro bullismo e cyber risk, in giro per l’Italia

Per cyberbullismo si intende “una forma di prevaricazione volontaria e ripetuta, attuata attraverso un testo elettronico, agita contro un singolo o un gruppo con l’obiettivo di ferire e mettere a disagio la vittima di tale comportamento che non riesce a difendersi” – Peter Smith (2006)

 

La dieta cyber dei nostri figli: ecco i dati per inquadrare il fenomeno

Dalla nostra ricerca condotta nel 2018 con l’Università Europea di Roma su 2.778 ragazzi delle Scuole Primarie e Secondarie emerge una generazione super tecnologica e iperconnessa: Il 22% possiede almeno 5 devices come computer, tablet, pc portatile, smartphone e console e soltanto l’1,4% dei ragazzi non ha una connessione internet, mentre solo l’11,8% non usa i social.

Le conseguenze sui ragazzi

Chi ne è vittima può subire conseguenze anche molto gravi, come la perdita della fiducia in se stesso, problemi di rendimento scolastico, disagio, stati di ansia, esclusione e depressione. L’aggressività che si manifesta su Internet è uno dei fenomeni di violenza più preoccupanti e seri, tanto da indurre all’autolesionismo e talvolta addirittura al suicidio.

 

Il giro dell’Italia contro bullismo e cyber risk

In difesa dei più piccoli mettiamo a disposizione il primo centro mobile di sostegno e supporto alle vittime di cyberbullismo. Un ufficio itinerante con personale specializzato che sta effettuando il giro dell’Italia raggiungendo le scuole e i comuni.

Inoltre, con il nostro progetto, giunto alla quarta edizione, stiamo raggiungendo circa 62.500 studenti e più di 125.000 tra docenti e genitori, presenti in 250 scuole secondarie di I e II grado.

In ogni Istituto sono scelti 5 ragazzi che si formano per diventare Giovani Ambasciatori della lotta al bullismo diventano un punto di riferimento per i loro compagni di scuola.

Anche i genitori ricevono i consigli per riconoscere i primi segnali e per contrastare questo tragico fenomeno sociale sempre più diffuso.

Il progetto è promosso dal Moige in collaborazione con il MiurUn Nodo Blu, la Polizia di Stato, Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani e Ambasciata degli Stati Uniti D’America e con il supporto di Enel, di Trend Micro e Intesa San Paolo.

 

Condividi con i tuoi cari

Contenuti correlati al progetto

Nessun contenuto presente
Nessun contenuto presente
Nessun contenuto presente
Nessun contenuto presente
Nessun contenuto presente