Perchè questa campagna

Il bullismo e di conseguenza anche il cyberbullismo rappresentano una tematica trasversale e ampia perché interessa tutti: in primis i ragazzi, ma anche le famiglie, la scuola e le istituzioni.

Nonostante l’attenzione verso il fenomeno sia alta, quantificarlo non è semplice: numerosi sono i casi che rimangono sommersi e nei quali le vittime non riescono a sottrarsi alle prepotenze dei bulli.

Dati Istat affermano che:

  • un ragazzo su due (52,7%) è stato preso di mira almeno una volta dai bulli,
  • uno su dieci (9,1%) ha subito atti di bullismo con cadenza settimanale
  • le vittime sono per lo più ragazze, giovanissimi (11-13 anni) e residenti al nord
  • tra le 11-17enni si registra una quota più elevata di vittime di cyberbullismo: il 7,1% delle ragazze che si collegano al web o dispongono di un cellulare sono state oggetto di vessazioni continue, contro il 4,6% dei ragazzi.

Il rischio di bullismo diminuisce con l’aumento dell’età:

  • il 22,5% degli 11-13enni è vittima di vessazioni continue
  • il 17,9% dai 14-17enni è vittima di vessazioni continue

I più giovani sono i più esposti al cyberbullismo.

Dati Censis affermano che:

  • il 91% dei ragazzi è iscritto ad almeno un social network
  • l’80% possiede uno smartphone
  • l’81% delle famiglie tendono a minimizzare il problema, considerandolo un semplice gioco tra ragazzi,
  • il 20% dei dirigenti scolastici ha confessato le difficoltà nel far comprendere ai genitori il fenomeno stesso,
  • internet è l’ambiente dove avvengono più frequentemente i fenomeni di bullismo,
  • nel 51% dei casi accaduti il preside si è dovuto rivolgere alle forze dell’ordine.

Nel tentativo di porre un freno a questa preoccupante situazione nasce il progetto “Annulla il bullo” che utilizza un mezzo di comunicazione diretto ed emozionale implementando contenuti multimediali fruibili a tutti per ridurre o eliminare le conseguenze di questi comportamenti scorretti e in molti casi violenti con conseguenze, purtroppo, molto spesso altamente deleterie.

 

 

Questo contenuto è parte integrante del progetto:

Grazie a te potremo assicurargli protezione e sostegno con le nostre task force specializzate.

Sostieni il moige

Sos Minori

Ecco le aree dove siamo attivi per la tutela dei minori. Segnalaci situazioni di illegalità e/o pericolo sui minori.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative e affrontare insieme le tante problematiche.

* L'autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 potrà essere validata proseguendo con la compilazione di questo form relativo all'iscrizione alla newsletter.