Perché questa campagna

Il fenomeno dell’uso di sostanze è sempre più precoce ed è cambiato decisamente negli ultimi anni: sono apparse nuove sostanze, sono cambiate molte variabili a livello sociale e culturale e, soprattutto, sono cambiate le modalità di consumo e l’associazione di sostanze.

Numerosi fattori di promozione al consumo di sostanze si sono diffusi in vasti strati della popolazione e in particolare nella popolazione giovanile determinando una tendenza al poli-consumo di droghe illegali, come la cannabis, favorita dall’assunzione di sostanze psicoattive legali come l’alcol.

La normalizzazione, anche sociale, dell’abuso di alcol e di sostanze è un fenomeno ben delineato dai recenti report nazionali e ciò sollecita, in termini di priorità da perseguire, l’adozione di idonee iniziative di sensibilizzazione volte ad incrementare le conoscenze, la consapevolezza del rischio e le abilità dei giovanissimi nella gestione di situazioni o contesti che, comunque, espongono ad un maggior rischio i pre-adolescenti e gli adolescenti. Di conseguenza, appare opportuno e urgente favorire tutte le iniziative volte a prevenire l’uso della cannabis tra i minori e a contrastare tutti i fattori che possono facilitare o favorire l’adozione di comportamenti a maggior rischio di dipendenza quali ad esempio il binge drinking, il bere per ubriacarsi che quasi sempre accompagna la ritualità dello sballo pre-adolescenziale e adolescenziale .

Sempre di più le sostanze vengono utilizzate in relazione ai rituali del divertimento e della socializzazione e questo non fa altro che sottolineare la pericolosità associata a queste sostanze.  La cannabis, come l’alcol,  viene infatti assunta per la sua capacità di creare disinibizione, facilità alla relazione e sensazione di sicurezza, tutti fattori e condizioni fortemente ricercate e apprezzate dai minori considerando le difficoltà tipiche di quell’età e la necessità di rafforzare la propria autostima ed essere accettati dai loro pari. E’ verosimilmente questa la ragione preminente per la quale la cannabis risulta essere la sostanza illegale più frequentemente consumata e diffusa tra i giovani, specialmente come droga di iniziazione, insieme all’alcol, sostanza legale, nonostante diversi studi medici sottolineino con crescente preoccupazione i suoi effetti negativi sullo sviluppo psico-fisico dei giovani.

Considerati tutti questi elementi, è urgente favorire azioni di prevenzione all’uso di cannabis e alla diffusione di comportamenti sani tra i giovani attraverso campagne di sensibilizzazione e informazione nelle scuole che coinvolgano non solo i minori ma anche le loro famiglie, i docenti e il personale della scuola.

 

 

Questo contenuto è parte integrante del progetto:

Grazie a te potremo assicurargli protezione e sostegno con le nostre task force specializzate.

Sostieni il moige

Sos Minori

Ecco le aree dove siamo attivi per la tutela dei minori. Segnalaci situazioni di illegalità e/o pericolo sui minori.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative e affrontare insieme le tante problematiche.

* L'autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 potrà essere validata proseguendo con la compilazione di questo form relativo all'iscrizione alla newsletter.