“Uno studente è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato o vittimizzato, quando viene esposto ripetutamente nel corso del tempo alle azioni offensive messe in atto da parte di uno o più compagni” Olweus, 1993  

Adnkronos: Intervista a Roberto Sgalla, direttore specialità Polizia

Roberto Sgalla osserva che “La legislazione italiana punta non solo sulla repressione ma soprattutto sulla prevenzione, anche se i risultati della prima sono subito evidenti mentre per misurare gli effetti della seconda occorre più tempo.

Nel caso del bullismo e del cyberbullismo, prevenire vuole dire formare coinvolgendo le famiglie, le scuole, le istituzioni, i social network”.

Guarda l’intervista!